MONOLITH


Monolith è un film thriller
Sandra, ex-membro di un gruppo pop chiamato Hipstars, scopre grazie a una telefonata all'amica e membro delle Hipstars Jessa che suo marito, il produttore discografico Carl Jenkins, ha un'amante. Mentre è nella Monolith, una macchina auto-intelligente  regalatagli da Carl con suo figlio di due anni, David, in direzione della a casa dei genitori di Carl, decide di deviare la tappa e raggiungere Los Angeles in cui si trovava il marito per veirificare la sua teoria sull’amante. L'intelligenza artificiale che si trova nella Monolith, Lilith, consiglia a Sandra di prendere una via fuori strada per evitare il traffico. Durante la strada, Sandra, per rilassarsi, commette il pericolossissimo errore di accendere una sigaretta, facendo sì che Lilith accenda l'allarme antifumo della macchina. Lilith viene spenta da Sandra, ma il fumo fa tossire David, facendo capire a Sandra che deve spegnere  la sigaretta: ella lo fa, ma nell'attimo di distrazione investe un cervo. Mentre si ferma a controllare, dà al figlio piangente il suo telefono per farlo distrarre con un gioco ma David, inconsapevolmente, inizia a toccare l'applicazione di Monolith (che Carl aveva installato sul telefono per Sandra), sigillando l'intera auto al 100% e impedendo a Sandra di entrare in ogni modo, oltre a far cadere il telefono sotto il sedile. La donna inizia a cercare diversi modi per aprire la macchina dall’esterno, provando a cercare aiuto in una stazione elettrica nei paraggi, ma non ci riesce (anche i finestrini sono infrangibili a ogni sasso, martello o chiave inglese) e dorme sul tetto dell'auto per la notte.
Dopo una nottata di incubi, Sandra inizia a girare per il deserto che si trova intorno alla Monolith: inizia prima trovando un aereo abbandonato all'Airport One, dove brucia delle gomme usando della benzina per formare un segnale di soccorso e recupera una bottiglia. Poi, assetata, trova un ruscello d'acqua. Dopo un po', torna alla Monolith, dove il figlio David, bloccato sul sedile, inizia a non respirare e sembra perdere conoscenza, mentre la temperatura dell'auto sale e si accende il climatizzatore. Per cercare di far aprire l'auto Sandra prova a usare della benzina e dei rametti per accendere un fuoco facendo scattare  l'allarme del fumo. Non appena nota che David rischia di non respirarein quanto Lilith aveva spento il climatizzatore per evitare che il fumo esterno entrasse nella macchina , Sandra spegne il fuoco con l'acqua che aveva conservato per se. Successivamente la Monolith (e Sandra) vengono attaccate da un cane selvatico affamato nella notte. Sandra riesce a cacciarlo via e prova inutilmente ad aprire l'auto per l'ennesima volta senza successi. Dopo un'altra notte di incubi, Sandra nota che David non ha ancora ripreso conoscenza, nonostante avesse mosso leggermente una mano il giorno prima. Sandra inizia a perdere le speranze, quando nota che il cane è tornato. Utilizzando una chiave inglese trovata alla stazione elettrica in precedenza prova ad affrontare il cane, che la morde alla caviglia ferendola. Sandra capisce che il cane vuole la carcassa del cervo morto e, non appena inizia a mangiarla spostandola da sotto la macchina, questa inizia a smuoversi  verso una dirupo al margine della strada. Sandra, anche grazie a un sasso che si trovava nei paraggi, riesce a fermare la macchina mettendolo sotto la ruota anteriore. Poco dopo le viene un'idea. Sandra, prima di arrivare nel deserto, si è fermata a un distributore per comprare delle cose e ha visto in TV un cartone in cui un lupo getta da un precipizio una cassaforte per recuperare un diamante al suo interno. Ispirandosi a quest'idea, decide di spingere via la macchina giù dalla collina, utilizzando la chiave inglese per rompere il sasso che teneva ferma la macchina e intimidendo il cane, facendolo scappare. La Monolith, cadendo dal dirupo, apre i suoi sportelli e consente a Sandra di recuperare il piccolo David, apparentemente in fin di vita. Per uscire dal "buco" in cui sembrano essere finiti, Sandra si ri-affida, suo malgrado, a Lilith e la riaccende, attivando la modalità fuoristrada e liberando sè stessa e il bambino. Arrivati in un ospedale, Sandra vede David svegliarsi, e il bambino la chiama per la prima volta mamma (la chiamava Sandra per tutto il film).

Post popolari in questo blog

DIRIGERE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS - prof.ssa Barozzi Daniela - LA NOSTRA DIRIGENTE

LA MIA ODISSEA DA COVID-19 - di Lara Patrucco - 1^H

Ipse Dixit #6