Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2019

Il bus del terrore, il tentato attacco terroristico di Milano.

Immagine
Il giorno mercoledì 20 marzo a San Donato Milanese ha avuto luogo un tentativo di atto terroristico. L’autista di origini senegalesi Ousseynou Sy   ha dirottato lo scuolabus della scuola media Vailati di Crema, con a bordo 51 studenti e 3 adulti, verso l’aeroporto di Linate con l’obiettivo di incendiare il mezzo e ucciderne tutti gli occupanti   per vendicare i morti del Mediterraneo. L’attentato è stato sventato dal tempestivo intervento di una pattuglia di carabinieri, allertati da un ragazzino egiziano di 13 anni. Ora però, cerchiamo di analizzare l’accaduto in sei tappe. Premeditazione e sviluppo di un assalto: le fascette, la benzina, l’inseguimento, la rivendicazione, i precedenti penali dell’aggressore e i buchi nei controlli. 1 . L’attacco era premeditato, il responsabile aveva pensato a tutto. Si era munito di fascette per legare e immobilizzare i ragazzi e di una tanica di benzina per dare fuoco al mezzo. Ora la procura ha inserito tra i capi di accusa quello

IL PRIMO RE

Immagine
Avevamo appena fissato il compito di disegno tecnico per il lunedì successivo, quando quell’angelo della nostra prof. di latino si è seduta alla cattedra dicendo: “Ragazzi, vorrei portarvi al Raffaello per farvi guardare un film sulla nascita di Roma, avete per caso qualche impegno lunedì?”.   È bastato un diretto “assolutamente no, prof.” da parte nostra ad eliminare quel compito di disegno tecnico dalla nostra vista – anche se è semplicemente stato rimandato, ma   ci abbiamo provato. Nonostante ciò, non sono qui per raccontarvi aneddoti della mia vita scolastica, ma   per informarvi sul film che abbiamo visto. Il film di cui oggi voglio parlarvi è “Il primo re”, un film italiano del 2019 diretto da Matteo Rovere. Le vicende sono ambientate nel 753 a.C., anno di fondazione di Roma secondo la tradizione, ed il film è una rivisitazione del mito di Romolo e Remo, interpretati rispettivamente da Alessio Lapice e Alessandro Borghi. I dialoghi, parecchio scarni, sono recitati in

SPLIT-RECENSIONE(FILM)

Stavo sfogliando il mio   libro di storia dell’arte nella speranza di riuscire a memorizzare qualcosa seppur in modo sparso, quando sullo schermo del mio amato cellulare è comparsa una notifica di Netflix: “Nuove uscite per te!”. Ho cercato con tutta me stessa di non cadere in tentazione, ma è stato più forte di me, quindi eccomi tornata con una nuova e avvincente recensione! Oggi voglio parlarvi di “Split”, un film del 2016 diretto da M. Night Shyamalan. Shyamalan ha sviluppato la sua sceneggiatura su un soggetto liberamente ispirato alla figura di Billy Milligan, un criminale statunitense affetto da disturbo dissociativo dell'identità.   James McAvoy interpreta il pericoloso psicopatico, mentre le altre interpreti principali sono Anya Taylor-Joy, Jessica Sula, Haley Lu Richardson e   Betty Buckley. Nel film, tre adolescenti, le popolari Claire e Marcia e la problematica Casey, vengono rapite e tenute prigioniere dall'enigmatico "Dennis". Questi è in rea