Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2019

Friday for future: anche Modena si unisce alle proteste.

Immagine
Venerdì 24 maggio 2019 a Modena si è svolto il secondo sciopero globale degli studenti per le tematiche ambientali sull’esempio della giovane svedese Greta Thunberg. Questa volta, al contrario della precedente manifestazione del 15 marzo, l’invito della sezione locale del movimento “Friday for future” e della Rete Studenti è stato accolto da un numero molto ridotto di manifestanti: complice anche la fine dell’anno scolastico, per le vie del centro si sono radunate solo pochissime centinaia di ragazzi con una grande prevalenza di giovanissimi, frequentanti i primi anni delle superiori o addirittura le scuole medie. Il corteo, partito attorno alle ore 9 da largo S. Agostino, ha attraversato le principali vie del centro scortato dalla polizia per poi concludere la propria marcia in piazza Matteotti, dove su un piccolo palco allestito dal Comune hanno tenuto una serie di interventi alcuni studenti di diverse fasce d’età: dal 13enne che organizza presidi davanti alla propria scuola medi

Ipse Dixit #5

Studente : Prof questa era l’ultima verifica di mate vero? Leonardi : Penso proprio di sì, più andiamo avanti più le fate male. Rossi : Io odio le fascette nei libri. Non comprate mai i libri con le fascette, ragazzi fate un boicottaggio, andate nei negozi a togliere le fascette dai libri!! Bruno : Hai ragione, “vano” vuol dire inutile, come il vano tentativo di raggiungere la maturità!  Bruno [parlando di lui e Balconati]: Prima o poi ci metteranno in due armadi classificati come “professori antichi”..   e lui è perfino peggio di me! Studente alza la mano per intervenire Bruno : Tu per me sei come un palestinese per un israeliano.. prima o poi ti bombardo!! Elisa Bonati, Sofia Crespi

Sfigura l’ex compagno con l’acido: la denuncia non la ferma.

Immagine
Legnano, 7 maggio 2019 - Sara Antonella Del Mastro, 38 anni, ha sfigurato l’ex compagno con l’acido: uno dei rari episodi in cui a offendere è stata la donna e non l’uomo come ad esempio nel celeberrimo caso di Lucia Annibali, sfigurata dall’ex nel 2013. Nonostante si fossero frequentati solo per un mese a cavallo tra novembre e dicembre scorsi, Sara non accettava la fine della loro relazione, illusa dal sogno di una vita insieme. Nei mesi successivi si è resa protagonista di una serie di azioni di stalking: messaggi a ripetizione, insulti e minacce sui social network, pedinamenti, pneumatici squarciati. Il 30enne spaventato dall’atteggiamento della donna e stanco dei continui impedimenti, il 19 aprile scorso ha denunciato il tutto. Questa, però, non è l’unica denuncia a carico della donna: infatti, una giovane residente nel varesotto l'ha denunciata per molestie telefoniche. La Del Mastro era convinta che le avesse "rubato" il fidanzato, ma la giovane aveva sol
Immagine
-Sei arrivato alato di nero, gli occhi bui e lo sguardo tetro, arricchito d'orgoglio e ferito nel cuore, bruciato dal sole, d'amore ormai spoglio. Funesto mi hai portata via, come un demone ladro di sogni, e io innamorata attendevo quei giorni, speravo finisse quell'agonia. Credevo in quell'amor malato, nella pazzia per un dannato, nel tuo respiro così gelido sul mio corpo così pallido, ma in te ardeva il fuoco di un diavolo, e in me un angelo caduto dal cielo. -Mia come queste ali sei tu dal dolce candore, che silenziosa mi hai rubato il cuore soltanto stringendomi le mani. La purezza della tua pelle amo baciarla poco sopra le spalle, due così diverse anime gemelle dove mai potresti trovarle? Colori questa mia vita così cupa, così scura, con me non avrai paura, ti tengo stretta tra le dita. E non riesco a non volerti anche solo per un istante, essere un semplice amante e pensar di non riaverti.    

Manifestazioni e politica: Modena al centro dell’attenzione.

Immagine
Nell’ultimo periodo la nostra città è stata interessata da eventi che hanno avuto una risonanza di portata nazionale: prima i disordini del 25 aprile e poi il comizio elettorale del vicepremier Salvini il 3 maggio con le relative contestazioni. In occasione della 74esima Festa della Liberazione dal Nazifascismo il centro città è stato interessato da una manifestazione di chiaro stampo anarchico che si è contrapposta alle celebrazioni istituzionali e non, per protestare contro l’apertura del Cpr. Ma che cos’è un Cpr? Si tratta di un centro di permanenza per i rimpatri, che il vicepremier Salvini vuole aprire in qualità di Ministro dell’Interno per gestire i migranti. Il corteo, composto da circa 300 persone provenienti anche da altre città come Bologna, Roma, Torino, Salerno, Firenze e Trento, ha iniziato a sfilare in maniera inizialmente pacifica a partire dalle 15.30, ma ben presto si è macchiato di atti vandalici.   I manifestanti hanno imbrattato con bombolette e rulli le